La Pro Loco e due musicisti di Preggio insieme per una nuova iniziativa

Il 2017 vede nascere a Preggio una nuova ed entusiasmante iniziativa da parte della Pro Loco e di due musicisti del Paese

Download the PDF file .

 

3 Giugno 2017: incontro a Preggio

Incontro a Preggio per la presentazione del libro “La Colonia di Preggio: i bambini del collegio raccontano, 1949-1960”.

Franky, un film girato a Preggio [VIDEO]

Il protagonista Franky è un giovane antieroe romantico, che cerca la sua strada in una società in crisi di valori. A questa sua confusione fa da sfondo una bellissima natura Umbra, immutabile e “sorda” ai drammi umani.

Non tutti sanno, compreso me, come nasce un film. Ci vuoi spiegare questa cosa?
Un film nasce innanzitutto da un’ idea, cioè dalla voglia di raccontare una storia.
L’idea viene sviluppata e diventa una sceneggiatura.
A questo punto la prima fase è quella della pre-produzione, ovvero si comincia a pianificare e a scegliere tutti gli elementi che saranno in scena: attori, location, ambienti e persino atmosfere. Si sceglie la troupe, si definiscono i tempi e tutto quello che servirà per preparare le scene (costumi trucchi, effetti speciali etc…).
Quindi inizia la fase di produzione, nella quale si fanno le riprese, e si prova a fare il meglio possibile, in questa fase il fattore tempo diventa importantissimo.
L’ultima fase è la post-produzione, nella quale si comincia con il montaggio video,poi si scelgono le musiche, si scrivono i titoli… e si cerca di confezionare il film il meglio possibile.

Abbiamo scelto Preggio perchè é un posto di incredibile bellezza e, dunque, perfetto per ambientare i “piccoli drammi” dei protagonisti e dar loro una dimensione poetica.

Come nasce il film Franky?  E la trama?
Il “progetto Franky” nasce ovviamente dalla voglia di raccontare una storia ambientata in Umbria. Il protagonista Franky è un giovane antieroe romantico, che cerca la sua strada in una società in crisi di valori. A questa sua confusione fa da sfondo una bellissima natura Umbra, immutabile e “sorda” ai drammi umani.

Perchè Preggio? L’ambientazione a Preggio ha dato problemi?
Abbiamo scelto Preggio perchè é un posto di incredibile bellezza e, dunque, perfetto per ambientare i “piccoli drammi” dei protagonisti e dar loro una dimensione poetica.
Girare a Preggio è stato fantastico, non solo non ci sono stati problemi, ma tutti ci hanno aiutato a superare qualsiasi inconveniente si sia presentato e a dare il massimo aiuto al film.
Devo confessare che è rimasto nel cuore di tutti!

Colgo l’occasione di quest’articolo per ringraziare, a nome mio, della Baburka Production, degli attori e di tutti i membri della troupe, tutti gli abitanti di Preggio per il fantastico soggiorno e la simpatia con cui siamo stati accolti!
Il Cinema Metropolis di Umbertide, il Comune di Umbertide e tutti coloro che con grande generosità ci hanno aiutato a fare il film.

Joel F. Anitori

Recita del Carnevale Morto 25/02/2017

Ogni anno a Preggio, la sera di Carnevale, viene rappresentata la recita del “Carneval morto”.
Questa è una vecchia rappresentazione della morte del carnevale che si svolgeva nelle vie del paese portando in processione il Carnevale morente e recitando un rosario, con tanto di prete, sacrestano, becchino, sindaco, carabiniere, dottore e infermiere e tante maschere al seguito.
Il rosario recitato oggi, come quello di un tempo, prende spunto in maniera ironica da situazioni ed avvenimenti del paese e dei suoi abitanti.

La nuova compagnia teatrale è formata da paesani volonterosi e da tutte quelle persone che, in processione, vorranno partecipare.
Potete anche dare un’occhiata al video di una delle passate edizioni.