018

L’infiorata di Preggio

Come tutti gli anni la domenica mattina del Corpus Domini, quest’anno il 22 Giugno 2014, si svolge la processione religiosa che porta per le vie del paese il reliquiario con l’ostia benedetta a rappresentare il corpo di Cristo.
Tutta la popolazione partecipa a questa festa e per l’occasione viene preparata una infiorata per le strade del paese dove passerà la processione.
Questa infiorata è preparata raccogliendo i fiori di stagione soprattutto il fiore di ginestra.
I ragazzi ed anche gli adulti si cimentano come fosse una piccola gara per realizzare le composizioni più belle.

laboratorio del giocattolo povero a Preggio

Laboratorio del Giocattolo Povero

PRIMA VISITA DELLA PRIMARIA DI LISCIANO NICCONE AL LABORATORIO DEL GIOCATTOLO POVERO A PREGGIO.

Parafrasando possiamo dire che oggi 29 Aprile 2014 a Preggio “è il primo giorno di scuola”.
In effetti si sono riaperte le porte della ex scuola, ormai chiusa da due anni, sono giunti i bambini della Primaria di Lisciano Niccone, per realizzare un giocattolo povero.
Una iniziativa della Proloco di Preggio condivisa con il Comune di Umbertide ed il Secondo Circolo Scolastico di Umbertide per l’anno scolastico in corso alla quale molte classi hanno aderito e stanno partecipando con entusiasmo.
Sono stati esposti ed illustrati piccoli giocattoli di un tempo realizzati con i materiali semplici reperiti sul posto. Le stesse persone del paese si sono prodigate a costruirli come avevano fatto da bambini e tutto questo materiale, come pure (in parte) quello realizzato dai partecipanti all’attività di laboratorio, verrà inserito in un piccolo museo del giocattolo povero visitabile a tutti presso i locali della ex scuola.
In questa prima giornata i bambini hanno partecipato alla realizzazione di piccoli fischietti in argilla sotto la guida di esperti maestri: Luigi Fosca, Alberto Bufali e Antonio Valentini. I lavori, una volta cotti, saranno decorati dai stessi bambini della scuola ospite.
Ci auguriamo che questa iniziativa possa continuare anche nei prossimi anni e possa coinvolgere sempre di più bambini e ragazzi e magari anche adulti che, con la semplice manipolazione, riescano a sviluppare la propria creatività e fantasia stando a contatto con i luoghi, le persone, insieme ai profumi ed i colori che solo la natura di questi luoghi sa regalare.