Artisti 2010

Mariangela Vacatello

Mariangela VacatelloMariangela Vacatello è nata nel 1982 a Castellammare di Stabia, Napoli, da una famiglia di musicisti. Inizia gli studi musicali a 4 anni con i corsi Yamaha e a 7 con Aldo Tramma, allievo di Vincenzo Vitale, a Napoli.
Successivamente,  entra all’Accademia Pianistica “Incontri Col Maestro” di Imola,  dove si è formata con Franco Scala e, in seguito, con Piero Rattalino conseguendo il Diploma di “Master” nel 2006.  Allo stesso tempo ha frequentato il Conservatorio “G.Verdi” di Milano con Riccardo Risaliti dove si è  diplomata nel 1999 col massimo dei voti, la lode e menzione speciale e si è laureata nel 2006  sotto la guida di Paolo Bordoni.
Insieme allo studio del pianoforte ha affiancato per un certo periodo il corso di composizione sperimentale frequentando con Bruno Zanolini e Fabio Vacchi. Ha sviluppato ulteriormente le sue doti musicali attingendo alle esperienze artistiche di altri artisti quali Dominique Merlet, Lonquich, Lortie, Jasinskj, Howard, Dalberto, Lucchesini,  Weissenberg, Margulis, Dorensky, Virsaladze, Isserlis, Rados  in una serie di masterclasses tenute a Villecroze, Salisburgo, Crans-Montana, Sermoneta, Santander e Prussia Cove.
Inizia ad esibirsi in pubblico all’età di 5 anni e debutta ufficialmente con l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali a 14 anni nella sala Verdi del Conservatorio di Milano eseguendo il 1° Concerto di Liszt.  La sua attività concertistica prosegue in numerose città italiane esibendosi, tra l’altro, per il Festival “A. B. Michelangeli”  di Bergamo e Brescia, per la Società dei Concerti di Milano, nel Teatro Dal Verme, al Festival MiTo Settembre Musica, per il Maggio Musicale Fiorentino, per l’Unione Musicale di Torino, al Festival delle Nazioni di Città di Castello, nel Teatro Olimpico di  Vicenza, per il Mittelfest di Cividale del Friuli, nel Teatro Bibiena di Mantova, in Sala Greppi di  Bergamo, per gli  Amici della Musica di Verona,  Padova, Mestre, Messina, per l’aAccademia Filarmonica di Bologna, nella Sala Scarlatti e Teatro Diana di Napoli, al Parco della Musica, Villa Medici e Accademia Filarmonica Romana di Roma…
Si è esibita in concerti solistici come pure in formazioni cameristiche con musicisti di chiara fama come i violoncellisti Rocco Filippini e Gary Hoffmann, il violista Toby Hoffaman, i violinisti Timothy Fain e Ilya Grubert, i Quartetti Ysaye e Takacs, la I tromba del “Teatro Alla Scala”  Francesco Tamiati e  il trombettista testimonial Yamaha Nello Salza…
Mariangela ama lavorare con orchestra e, tra le altre, c’è la Lithuanian Symphony, Stuttgarter Philharmonics, Nordwestdeutsche Orchestra, la Johannesburg Philarmonic, l’Haydn di Trento e Bolzano, l’Orchestra di Padova e del Veneto, la Zagreb Philarmonia Orchestra, Pannon Philharmonics, la Moldavian Radio Television, la Filarmonica Marchigiana, sotto la guida  di direttori quali K.Penderecky, G.Kuhn, A.Nelsons, G.Korsten, D.Kawka, M.Haselboeck, M.Tabachnik, B.Gueller, D.Itkin, Z.Hamar, C.Franklin, A.Nanut, L.Piovano, D.Renzetti, P.C.Orizio.
E’ molto richiesta nella scena concertistica internazionale. E’stata invitata al Festival di Radio France a Montpellier, diverse volte alla Salle Cortot, nel Salon d’Honour du Musee de l’Armèe- Hotel des Invalides per Yamaha Music France e per la Societè “Chopin” di Parigi. Si è esibita a Berlino nella Konzerthause, in Germania per Kawai, a Salisburgo nell’Auditorium del Mozarteum, a Bruxelles nella Sala Grande del Conservatorio, nel Teatro de la Monnaie e al Palazzo delle Belle Arti, a Zagabria nella Sala Lisinsky, a Londra nella Wigmore Hall, alla Bargemusic e Carnegie Weill Hall di New York, la Bridgewater Hall di Manchester, per Chichester Festivities  e Buxton Festival in Uk, nella Disney Hall di Los Angeles con “IPalpiti” Festival, nella Z.K.M. Great Hall di Pretoria, a Johannesburg nel Linder Auditorium, a Santander nel Palacio de Festivales, in Messico e in diversi tournèe in Sud Africa.

Adriano Falcioni

Adriano FalcioniNato a Terni nel 1975, attualmente è considerato dalla critica internazionale specializzata come uno dei più interessanti e promettenti organisti delle nuove generazioni europee.
Diplomato in organo con W.Van de Pol, pianoforte e clavicembalo al Conservatorio di Perugia, ha proseguito gli studi per due anni in Germania dove ha ottenuto a pieni voti il diploma superiore in concertismo alla Musikhochschule di Freiburg con Klemens Schnorr.
Ha inoltre studiato a Parigi con Marie Claire Alain, a Londra con Nicolas Kynaston e seguito corsi e masterclasses in Italia, Svizzera, Olanda e Svezia con B.Winsemius, G.Leonhardt, L.F.Tagliavini, F.Chapelet, L.Lohmann, J.van Oortmerssen e J.Guillou.
Premiato e finalista in otto concorsi organistici internazionali, nel 2004 gli è stato assegnato dagli Amici della Musica di Perugia il premio “Leandro Roscini” quale miglior musicista umbro dell’anno.
Da qualche anno ha iniziato una brillante carriera concertistica internazionale che lo ha visto esibirsi come solista nei maggiori festival italiani (Musica Sacra di Bolzano, Sagra Musicale Umbra, Amici della Musica di Perugia, Roma, Milano, Cantù, Varese, Torino, Treviso, Terni, Cattedrali di Bergamo, Brescia, Vicenza, Trieste, Arezzo, Chieti, L’Aquila, Orvieto, Assisi, Napoli, Bari, Foggia, Lecce) ed europei (Sala Tohnalle di Zurigo in Svizzera, Festival Musica Antiqua di Brugge in Belgio, Festival di Göteborg in Svezia, St.Giles Cathedral al Festival di Edinburgo, Cattedrali di Amsterdam e Haarlem in Olanda, Friburgo, Fulda, Brema, Lipsia, Dresda e Berlino in Germania, Graz e Innsbrück in Austria, Varsavia, Cracovia e Danzica in Polonia, Francia e Regno Unito).
Ha registrato per Rai3, Radio Vaticana, Radio e Televisioni tedesche, austriache e polacche. Il suo repertorio spazia dalla musica antica alla contemporanea: dopo Franck, Liszt, Mendelssohn e Duruflé, nel 2004 ha terminato in una serie di quaranta concerti in Germania l’esecuzione dell’opera omnia organistica di J.S.Bach e delle maggiori opere di Max Reger.
Registra per La Bottega Discantica di Milano (www.discantica.it) e maxresearch di Arezzo.
Tra i prossimi impegni discografici sono da segnalare un doppio cd con l’ integrale per organo di J.K.Kerll, tutti i concerti per organo e orchestra di G.F.Haendel in tre dischi, e un ulteriore cd con orchestra con il concerto di Poulenc e i due concerti di Rheinberger.
È direttore artistico del Festival Internazionale di “Organo e strumenti antichi” di Orte sull’organo Benvenuti-Densi del 1582, uno dei più rinomati strumenti storici del panorama internazionale (www.cittadiorte.it).
Da aprile 2007 è il nuovo organista titolare della Cattedrale di S.Lorenzo a Perugia.

Sigiswald Kuijken

Sigiswald Kuijken was born in 1944 close to Brussels. He studied violin at the conservatories of Bruges and Brussels, completing his studies at the latter institution with Maurice Raskin in 1964. He came into contact with early music at a very young age, together with his brother Wieland. Studying on his own, he gained a thorough knowledge of specific 17th- and 18th-century performance techniques and conventions of interpretation on violin and viola da gamba. This led to the introduction, in 1969, of a more authentic way of playing the violin, whereby the instrument was no longer held under the chin, but lay freely on the shoulder; this was to have a crucial influence on the approach to the violin repertoire and was consequently adopted by many players starting in the early 1970s.
From 1964 to 1972, Sigiswald Kuijken was a member of the Brussels-based Alarius Ensemble (with Wieland Kuijken, Robert Kohnen and Janine Rubinlicht), which performed throughout Europe and in the United States. He subsequently undertook individual chamber music projects with a number of Baroque music specialists, chief among which were his brothers Wieland and Barthold and Robert Kohnen, as well as Gustav Leonhardt, Frans Bruggen, Anner Bylsma and René Jacobs.
In 1972, with the encouragement of Deutsche Harmonia Mundi and Gustav Leonhardt, he founded the Baroque orchestra La Petite Bande, which since then has given innumerable concerts throughout Europe, Australia, South America, China and Japan, and has made many recordings for a number of labels (including Deutsche Harmonia Mundi, Seon, Virgin, Accent, Denon, Hyperion, …)
In 1986 he founded the Kuijken String Quartet (with François Fernandez, Marleen Thiers and Wieland Kuijken), which specialises in the quartets and quintets (with Ryo Terakado as first violist) of the Classical period. Recordings of quartets and quintets by Mozart and Haydn have appeared on Denon.
Since 1998 Sigiswald Kuijken occasionally brings together two generations Kuijken (his daughters Veronica and Sara and his brother Wieland) to perform string quartets of later periods (Debussy, Schumann, Beethoven, Schubert) often combined with Lieder by Marie Kuijken, soprano and also daughter of Sigiswald, and Veronica Kuijken, piano. Recordings of the two generations have been made for Arcana and Challenge Records.
In 2004 Sigiswald Kuijken reintroduced in practical performance the Violoncello da spalla (shoulder cello, very probably the instrument Bach had in mind when writing his six cello solos): concerts and recordings of Bach , Vivaldi, …
From 1971 to 1996, Sigiswald Kuijken taught Baroque violin at the Koninklijk Conservatorium in The Hague; since 1993 he has taught at the Koninklijk Muziekconservatorium in Brussels. In addition, he has for many years been in demand as a guest teacher at a number of institutions (including the Royal College of Music in London, Salamanca University, the Accademia Chigiana in Siena, the Conservatoire of Geneva, the Musikhochschule of Leipzig).
Since 1998, Sigiswald Kuijken occasionally conducts “modern” symphonic orchestras in romantic programs (Beethoven, Schumann, Brahms, Mendelssohn).
On 2 February 2007, Sigiswald Kuijken received an honorary doctorate of the K.U. Leuven.

Per informazioni complete su La Petite Bande è disponibile il loro sito web.

Lenuta Ciulei

Acclamata in 34 paesi e in 5 continenti, la Rumena Lenuta Ciulei ha iniziato la sua brillante carriera all’età di 9 anni apparendo in diretta sulla televisione nazionale rumena. Negli anni successivi ha viaggiato per il mondo esibendosi in un originale e fantasioso stile che associa le scuole degli artisti e maestri Gorge Enescu, David Otstrach e Eugene Ysaye.
Lenuta  Ciulei  vanta  un originale e versatile repertorio nell’ambito della musica contemporanea; è anche un interprete ideale di musica da camera. Iniziò a suonare il violino all’età di 5 anni. Ha studiato con Stefan Gheorghiu, Andre Gertler, Raphael Druian, Ruggero Ricci e ha vinto il primo premio del famoso Concorso Internazionale per violino Nicolò Paganini, così come il premio T. Varga (Sion – Svizzera), e come il Concorso Internazionale per violino M.Abbado (Sondrio).
Si è anche esibita in molti festival prestigiosi fra cui il Bayreuth Festival (Germania), il Marlboro Music Festival, il Carmel Bach Festival, il Festival Internazionale George Enescu (Bucarest), il Festival Internazionale di Santander (Spagna) e il Festival Internazionale di Massa Carrara.
Lenuta si è esibita inoltre al U.N. Palais in Geneva, al Bartok Memorial House di Budapest, al Carnegie Hall, nella grande Hall del “Conservatorio Tchaikovsky” di Mosca, al Teatro Reale di Madrid per il sovrano di Spagna dove El Pais la citò come “una delle più grandi violiniste europee della nuova generazione”. Ha suonato come solista con grandi orchestre ed è apparsa in trasmissioni radio e TV nelle maggiori città d’Europa, Asia, nord e sud America, Africa.
Lenuta Ciulei ha ricevuto molti elogi per l’eccellente equilibrio tra la sua perfetta tecnica, la suprema fedeltà d’esecuzione e la capacità di suscitare emozioni.
E’ la Direttrice Artistica dell’Orvieto Festival of Strings.

George Atanasiu

The Romanian-born cellist George Atanasiu has played concerts with major orchestras, recitals and chamber music in Spain, Italy, Germany, Switzerland, Romania and U.S.A.
Fiery temperament and superb musicianship make him an ideal chamber music recitalist.
A graduate of the Bucharest Music Academy he studied with Serafim Antropov, Petre Lefterescu, Uzi Wiesel and Laszlo Meszo.
He won top prizes in Romanian National Music Festivals and in Florence Vittorio Gui International Chamber Music Competition.
Mr. Atanasiu has participated in numerous prestigious music festivals like Bayreuth Youth Festival, International Music Seminar Weimar, Hitzacker Chamber Music Academy and Carmel Bach Festival.
Mr. Atanasiu teaches cello at Rowan University of New Jersey and currently is associate conductor for Main Line Chamber Orchestra of Philadelphia.
He has given Master Classes at Trenton State College, Eastern Nazarene College and in Romania.

Marco Grisanti

Romano, Marco Grisanti ha studiato pianoforte sotto la guida di Maja Samargieva, si è diplomato al Conservatorio di S. Cecilia e ha frequentato i corsi di composizione di Nazario Bellandi. Successivamente ha seguito i corsi di perfezionamento in pianoforte di Fausto Zadra e di Eduardo Hubert, oltre a quelli dedicati alla musica da camera di Riccardo Brengola e Felix Ayo, violinisti con i quali ha a lungo collaborato in ambito sia didattico sia concertistico. Il repertorio cameristico è stato da allora, per Marco Grisanti, il territorio d’elezione della sua attività di musicista, svolta a fianco di artisti come Wolfgang Boettcher, Vincenzo Bolognese, Michinori Bunja, Benoit Fromager, Franco Maggio-Ormezovsky, Emmanuel Pahud, Rainer Schmidt, oltre che i gruppi come il Residenz-Quartet di Würzburg, l’American Brass Quintet e molti altri. Tra i sodalizi artistici di più unga durata, oltre a quella con Felix Ayo e con il flautista Andrea Oliva, vanno ricordate quella con Lenuta Ciulei, vincitrice nel 1976 del Concorso Paganini, e con Uto Ughi, con il quale Grisanti si esibisce da anni dopo esserne stato allievo all’Accademia Chigiana di Siena. Il repertorio di Grisanti spazia dai grandi classici alla musica contemporanea, e formazioni come il duo strumentale o vocale all’ensemble e alle composizioni per coro e pianoforte. La sua attività concertistica lo ha portato a esibirsi nei più importanti cartelloni delle istituzioni italiane e in Svizzera, Francia, Spagna, Germania, Austria, Lussemburgo, Grecia, Irlanda, Canada, Stati Uniti, Sud America e Giappone. Inoltre, Marco Grisanti è docente di Musica da Camera al Conservatorio di Campobasso e tiene corsi di perfezionamento in varie città italiane.

Oliviero Giorgiutti – Don Pasquale

Nato nel 1972, intraprende gli studi musicali dapprima come oboista, diplomandosi ad Alessandria nel 1994 ed in seguito si dedica al canto lirico, diplomandosi al Conservatorio “G. Verdi” di Torino nel 1996. Segue inoltre corsi di perfezionamento con Raina Kabaiwanska, Rokwell Blake, Renato Bruson e Ruggero Raimondi. Come vincitore del concorso internazionale As.Li.Co di Milano, nell’anno 2001, interpreta i ruoli di Ford nel “Falstaff” di G. Verdi e di Sharpless nella “Madama Butterfly” di G. Puccini, nei teatri di Como, Cremona, Bergamo, Pavia. Nello stesso anno vince il concorso internazionale “Toti dal Monte” di Rovigo ed interpreta ancora il ruolo di Ford del “Falstaff” a Rovigo, Bolzano e Trento.
Nell’anno 2002 vince il concorso “Comunità Europea” di Spoleto, e, tra il 2002 e il 2004 interpreta “Il filosofo di campagna” di B. Galuppi, “Don Pasquale” di G. Donizetti (Malatesta) ed il ruolo di Germont de “La Traviata” di G. Verdi, opera rappresentata anche nei maggiori teatri giapponesi, fra cui il Bunka Kaikan di Tokyo. Nel marzo 2004 debutta nel ruolo di Figaro de “Le nozze di Figaro” di W.A. Mozart, a La Valletta (Malta), ed in settembre in quello di Marcello ne “La Bohème” di G. Puccini, a Spoleto. Nell’ottobre dello stesso anno canta all’Opéra de Nice il ruolo di Silvano de “Un ballo in maschera” di G. Verdi. Nel 2006 interpreta il ruolo di Masetto nel “Don Giovanni” di W.A. Mozart al teatro Barakaldo de Vizccaya (Bilbao), quello di Papageno del “Flauto magico” al Teatro Piccolo Regio di Torino e quello di Figaro del “Barbiere di Siviglia” di G. Rossini, a Spoleto. Nel maggio 2007 partecipa alla ripresa del “Flauto Magico” al Piccolo Regio di Torino, e nel luglio dello stesso anno partecipa ad una tournée in Giappone come Figaro nel Barbiere rossiniano.
Nell’agosto 2007 canta il ruolo di Marcello nella “Bohème” sotto la direzione del m°Palleschi, e Figaro nel “Barbiere di Siviglia” nel circuito dei teatri umbri. Nell’ottobre 2007 partecipa alla prima esecuzione di un’opera da camera di Claudio Morbo (Piccolo Regio di Torino) ed a quella del Requiem di Fauré, con l’Orchestra Filarmonica del 900 del Teatro Regio di Torino, diretta dal maestro M. Billi. Nello stesso mese esegue il medesimo lavoro all’Aquila, per l’Associazione Barattelli. Nel novembre 2007 canta la parte del Vieux Paysan in “Ariane et Barbe-bleue” di P. Dukas, al Teatro Regio di Torino.
Nell’ambito delle attività educative del Teatro Regio di Torino, nel mese di maggio 2008, partecipa alla produzione di una riduzione dell’opera “Cenerentola” di G. Rossini, nel ruolo di Dandini.
Nell’anno 2008 sono da segnalare: un concerto di musica vocale da camera con il Trio Debussy,  la prima esecuzione Italiana dell’opera “Il diario di Nijinsky” del compositore ungherese Detlev Glanert, al Cantiere di Montepulciano, la prima esecuzione italiana della “Missa Lorca” di C. Margutti (Festival MITO di Torino), l’esecuzione della rielaborazione del compositore A. Colla dell’opera “Aida” di G. Verdi ed il ruolo di Slook ne “La cambiale di matrimonio” di Rossini, a Chiasso.
Nel 2009 si esibisce ne “La serva padrona” di G.B. Pergolesi, con l’orchestra giovanile dell’Academia Montis Regalis, nella Butterfly di Puccini, a Casale Monferrato, nella Tosca di Puccini ad Asolo nel ruolo del Sacrestano, e nel Barbiere di Siviglia come Figaro, a Castelfranco Veneto.
Ha collaborato coi direttori d’orchestra Carlo Palleschi, Tiziano Severini, Marcello Panni, Emmanuel Villaume, Marco Guidarini, Niels Muss, Vito Clemente, Giampaolo Bisanti, Maurizio Billi, Roberto Zarpellon, Enrico Onofri e Marco Angius, e con i registi Ugo Gregoretti, Gabbris Ferrari, Stefano Monti, Alessio Pizzech, Paolo Baiocco, Giovanni Scandella, Jean-Claude Auvray, Giorgio Pressburger, Roberta Cortese.

Giulio BoschettiDott. Malatesta

Nell’aprile 2001 accede al Corso Mythos di Formazione Superiore per Cantanti Solisti istituito dalla Fondazione “A. Toscanini” di Parma. Per due anni consecutivi svolge in tale sede un’intensa attività di preparazione tecnica ed interpretativa con i maestri Renato Bruson, Leo Nucci, Virginia Zeani, Alain Billard e Beppe De Tomasi.
Nell’aprile 2003 ottiene il 1° premio alla IV edizione del Concorso Internazionale per cantanti lirici “Città di Nettuno”.
Ha debuttato i seguenti ruoli: Uberto ne La serva padrona di G. B. Pergolesi; Don Cassandro ne La finta semplice, Conte d’Almaviva, Figaro e Bartolo ne Le nozze di Figaro, Don Giovanni e Leporello nel Don Giovanni, Guglielmo nel Così fan tutte di W. A. Mozart; Conte Robinson ne Il matrimonio segreto di D. Cimarosa; Figaro ne Il barbiere di Siviglia, Haly ne L’italiana in Algeri di G. Rossini; Dulcamara e Belcore ne L’elisir d’amore di G. Donizetti; Nabucco in Nabucco, Rigoletto in Rigoletto, Germont ne La traviata di G. Verdi; Escamillo in Carmen di G. Bizet; Marcello ne La Bohéme e Sharpless in Madama Butterfly di G. Puccini; Alfio ne La cavalleria rusticana di P. Mascagni.
Appassionato alla canzone tradizionale italiana e napoletana, è particolarmente dedito alla musica di Francesco Paolo Tosti. Ha all’attivo numerosissime tournée sia in Italia che all’estero. Molto attento anche al repertorio sacro, collabora con istituzioni quali l’Associazione “Cappella Musicale della Basilica di San Francesco” in Assisi, l’Associazione “Cantori di Assisi” e la “Fondazione Domenico Bartolucci”.

Paula Sides – Norina

Paula SidesPaula studied at RCM and the Schwob School of Music. She has received the Karaviotis Prize at the Les Azuriales International Competition. At RCM, she was a finalist for the Young Concert Artists Trust and received the Coutts & Co. Award along with the Sir Thomas Allen Scholarship supported by a Clayton Award.
Operatic roles include Gilda/Rigoletto (Preggio Opera Festival, Italy); Pamina/The Magic Flute, Clizia/Teseo, and Emilia/Flavio and Susanna/The Marriage of Figaro (ETO); Atalanta/Atalanta (Handel Society); Bastienne/Bastien und Bastienne (Skipton Camerata); Mimi/La bohème and Inez/Il trovatore (Opus I Opera); Grasshopper/The Cunning Little Vixen (RCM). Concert engagements include City of Dreams (Philharmonia Orchestra concert series 2009); City Music Society series (Eric Falk Trust Award). Paula has also recorded a Peroni advert soundtrack.

Edgardo Rocha Trotta – Ernesto

Edgardo Rocha è nato nel 1983 in Uruguay dove si è anche formato musicalmente diplomandosi in pianoforte e studiando Direzione Corale ed Orchestrale alla Scuola di Musica dell’Università della Repubblica.
Sempre in Uruguay ottiene per due anni consecutivi una borsa di studio dalla Fondazione Chamangá per giovani talenti per studiare canto con Beatrice Pazos e Raquel Pierotti.
Nel 2004 vince il primo premio nel 51° Concorso di Giovani Musicisti dell’ Uruguay, nel 2006 fa il suo debutto come Direttore d’orchestra dirigendo l’Elisir d’amore di Donizetti al Teatro Kibon di Montevideo.
Nell’anno 2007 vince il primo premio del Concorso Internazionale di canto Maria Callas di San Paolo in Brasile. Nello stesso periodo ha modo di esibirsi più volte nel repertorio concertistico interpretando il Requiem K 626 e i Vesperae Solennes de Confessore K 339 di Mozart, il Weihnachts- oratorium BWV 248, l’Oster Oratorium” BWV 249, il Magnificat e le Cantate BWV10, BWV 147, BWV 182 di J. S. Bach.
All’inizio del 2008 si trasferisce in Italia per perfezionarsi con Salvatore Fisichella e in giugno vince il Concorso Giulio Neri a Siena. Nel 2009 debutta nella Petit Messe Solennelle di Rossini, partecipa alla Masterclass di Rockwell Blake a Torino, debutta il ruolo di Nemorino ne L’elisir d’amore, Ernesto nel Don Pasquale ed Almaviva nell’opera Il Barbiere di Siviglia.
Collabora da esterno con il Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze nella messa in scena della produzione del Così fan tutte di Mozart e si esibisce con l’Orchestra barocca di Pisa ne The ways of Zion do mourn HWV 264 di George Frideric Handel. Insieme alla Camerata del Maggio Musicale Florentino interpreta il Te deum di Charpentier al Teatro Comunale di Firenze. A Febbraio 2010 Vince il Concorso  Primo Palcoscenico  per  l’opera Il barbiere di Siviglia  a Cesena.
I suoi prossimi impegni includono Gianni di Parigi di Donizetti e la Messa Di santa Cecilia di Scarlatti al Festival di Martina Franca, il debutto di Don Ramiro nell’opera La cenerentola di Rossini al teatro lirico di Cagliari, e nei teatri del circuito lirico lombardo.

Rosalind Hall – Direttore Musicale

Rosalind HallRosalind Hall viene dall’Inghilterra.  Ha suonato sia in veste di solista, ma anche in gruppo cameristico, nonche come solista accompagnata da pretigiose orchestre, in molti paesi d’Europa, partecipando sopratutto ai festivals piu importanti che si svolgono in Italia e in Francia.  Il suo cuore e stato sempre per la musica da camera, sopratutto predilge accompagnare cantanti lirici, e, a seguito di collaborazione sia in Inghilterra che all’estero con cantanti licici da fama internazionale, e entrata a far parte dell’organizzazione del Preggio Festivals, inserendosi come direttore musicale, e pianista ufficiale nell’accompagnare le opera che caratterizzano la conclusione annuale del medesimo festival.   Non solo nell’ambito del medesimo festival, ha suonata in gruppi da camera, con i violinisti Paolo Franceschini e Patrizio Scarponi, e con cantanti lirici prima di tutto nei cicli di canzoni, i famosi lieder, Di Wintereisse e Die Schone Mullerin di F. Schubert.
Per 15 anni e stata l’organizzatrice e pianista, in Inghilterra, di Balmoral Opera Group.   Negli ultimi 5 anni e stata Direttore Musicale e pianista per Le Nozze di Figaro, Cosi Fan Tutte , Don Giovanni di W.A. Mozart e Rigoletto di G. Verdi a Preggio Festival.

Antonello Madau Diaz – Regista

Antonello Madau DiazNato a Perugia nel 1931, si è specializzato a Firenze alla Scuola di Scenotecnica e Regìa diretta da Alessandro Fersen e Gianni Vagnetti. Dal ’56 al ’61 ha collaborato stabilmente alle stagioni liriche del Maggio Musicale Fiorentino, del Carlo Felice di Genova, del Festival delle Novità di Bergamo, all’Arena di Verona, della Sagra Musicale Umbra di Perugia e con registi prestigiosi come Visconti, Grundgens, Strehler, De Lullo, Zeffirelli, Ronconi, Castellani, Ponnelle, Rouleau, Enriquez, Barrault, Squarzina, la Pavlova, la Wallmann (con quest’ultima ha realizzato regie nei maggiori teatri europei dall’Opera di Parigi alla Scala di Milano, dallo Staatsoper di Vienna all’Erode Attico di Atene, dall’Opera di Roma al maggio Musicale Fiorentino).
La sua prima regìa lirica è del 1958: Haensel e Gretel di Humperdinck al Carlo Felice; dal 1963 è la sua prima regìa scaligera con Falstaff, mentre con i belliniani Puritani ha debuttato nel’ 72 negli Stati Uniti, a Philadelphia (interpreti Luciano Pavarotti  – Shutherland).
Ha svolto un’intensa attività come insegnante di arte scenica, ha firmato più di 250 regìe all’estero ( Madrid, Barcellona, Nancy, Parigi, festival di Avignon, Berlino, Monaco.., Edimburgo, Tokyo…etc.)  e, dall’ ’82, è regista stabile e direttore della produzione del teatro alla Scala di Milano.
Ha partecipato ai Films: “Tosca nelle ore e nei luoghi di Tosca”
In diretta tv su 180 paesi del mondo c.ca come Direttore della Produzione artistica..etc..
Al suo attivo sono anche alcuni libretti operistici, come Il pozzo e il pendolo e Count down (musica di Bettinelli), Lieb und Lied (musica di Mahler), la progettazione delle scenografie de La fabbrica illuminata di Nono, de La leggenda di Giulietta di Zanon, de Il canto del cigno di Valvolo, Don Carlos di Verdi, Lucia di Lammermour di Donizetti, nonché la collaborazione per la regìa lirica delle opere inserite nella Vita di Verdi di Castellani e – solo collaborazione esterna – de  E la nave va di Fellini.